CRONACA CUOIOPELLI-CENAIA

Cuoiopelli-Cenaia 0-0
CUOIOPELLI: Puccini, Pinucci, Magnani, Morelli, Meucci, La Rosa, Niccolai, Caciagli, Bianconi (75’ Moscardi), Montecalvo, Bianchi. A disp.: Casalini, Carli, Gargini, Marzi, Nidiaci, Sollazzi G., Sollazzi F. . All.: Giglioli 
CENAIA: Serafini, Cecchetti (70’ Benvenuti), Borboryo, Lelli (60’ Bachini), Signorini, Milianti, Tammaro (65’ Ceccarini), Balleri, Bruzzone, Marcellusi, Mancini. A disp.: Guidetti, Stampa, Spadaciari, Betti, Arrighi, Turini. All.: Macelloni 
ARBITRO: Falleni di Livorno.
NOTE: Bianchi sbaglia un rigore. Ammoniti Balleri, Meucci, Pinucci.
Finisce a reti bianche la sfida tra la Cuoiopelli di Giglioli e il Cenaia di Macelloni. La sfida non brilla certamente per le grandi emozioni e tra le due compagini prevale la paura di perdere. In ogni caso si tratta comunque di una partita davvero tirata e le condizioni meteo, non certo delle migliori, complice il fortissimo vento, non hanno certamente aiutato: il gioco di entrambe le squadre ne ha sicuramente risentito e non poco. Nel primo tempo il Cenaia è probabilmente andato leggermente meglio nonostante il vento a sfavore ma l’occasione più grande è stata per la Cuoiopelli. La prima opportunità della gara, però, è stata quella in favore del Cenaia, che si è resa pericolosa con una punizione a due, respinta dal portiere, Bruzzone si getta sulla sfera come un falco e mette dentro ma il direttore di gara Falleni di Livorno annulla per fuorigioco. Poco dopo insiste ancora il Cenaia: cross dalla destra, ci arriva Marcellusi che calcia verso la porta ma il suo tiro viene respinto dal portiere locale. L’episodio chiave che segna il match arriva sul finire del primo tempo: su un disimpegno, per la precisione su un fallo laterale per il Cenaia, la squadra di Macelloni finisce per perdere palla su una respinta, Borboryo mette il piede nel tentativo di fermare Bianchi che lo anticipa e viene di conseguenza messo giù. Il direttore di gara Falleni non esita ad indicare il dischetto. Dagli undici metri si presenta Bianchi che calcia con freddezza ma colpisce il palo con la palla che torna in campo esternamente dove nessun altro giocatore della Cuoio riesce ad intervenire per ribadire in rete. Sfuma così una grande occasione. La Cuoiopelli non si arrende e cerca di portarsi in vantaggio in mischia prima della fine della prima frazione senza però riuscirci. Il vento a favore aiuta il Cenaia nella ripresa che si rende pericolosa per ben due volte: prima con Mancini che calcia a fin di palo al termine di una bella azione corale, poi – su un cross di Borboryo dalla destra – Bruzzone impatta la sfera ma gira a lato. Reagisce la Cuoipelli nel finale e sfiora per due volte il gol vittoria. Prima Serafini è bravissimo a dire di no respingendo un colpo di testa di Montecalvoli a botta sicura e poi lo stesso estremo difensore fa sua la sfera su un tiro dalla distanza. Il pareggio finale appare comunque il risultato giusto al termine di un match certamente equilibrato in cui le occasioni da una parte e dall’altra sono praticamente molto simili. Con questo pareggio i padroni di casa salgono a quota 15 punti, rimanendo al terzultimo posto, a sette lunghezze dai diretti avversari quartultimi. Gli ospiti perdono dunque una grande opportunità in quanto coi tre punti avrebbero potuto superare le quattro squadre a 22 punti, cioè San Marco Avenza, Valdinievole Montecatini, Pontremolese e Castelfiorentino; uscendo di conseguenza dalla zona play out. Nel prossimo turno il Cenaia ospiterà il Castelnuovo Garfagnana, penultimo a 11 punti, mentre la Cuoiopelli andrà a far visita al Castelfiorentino, una delle quattro a 23 punti e quindi impegnata ad evitare i play out. 
FONTE: Il Tirreno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *